Lettori fissi

domenica 30 ottobre 2016

UN PO DI TEMPO FA......

Peter e Karina
Qualche tempo fa, mi trovavo in campeggio sul lago di Garda,alloggiavo in un bungalow,e spesso restavo sulla veranda a prendere il sole,ascoltando un po di musica e leggendo. in parte a me c'era una coppia di tedeschi sui 50 anni,lei robusta ma soda, lui atletico un poco sovrappeso. una coppia simpatica e allegra.
Spesso mi sorridevano ed io restavo un poco spiazzato,poi mi invitarono a bere della birra,io accetai un paio di volte,capii che la cosa era un poco forzata,fuori dai normali canoni,ma feci finta di niente e continuai a scherzare con loro.
Poi fu il turno di invitare loro da me. cominciammo a bere birra,io poco a dire il vero,perche volevo dominare la situazione….misi sul tavolo una bottiglia di grappa che avevo acquistato nel pomeriggio per l'occasione. La serata era piacevole si rideva e scherzava,con una buona confidenza,quasi ci si conoscesse da anni.
Poi, verso la mezzanotte loro molto allegri io quasi sano,lui si alzo e disse che andava a sdraiarsi perché era stanco. Saluto’ e spari nel suo bumgalow.
Lei rimase sdraiata sul mio lettino sorridendo e facendomi capire che lui era Kaput. E rideva….Le chiesi se se lei avesse sonno o era stanca,lei mi disse che stava benissimo,non si parlava molto perche io non capivo il tedesco e loro parlavano poco l'italiano,poi si usava un po l'inglese.Eravamo vicini,sdraiati sui lettini,io incominciai a valutare la “cattura” e le guardavo i seni gonfi e pieni,lei se ne accorse e mi sorrise,chiedendomi se mi piacevano.
Io la guardai serio negli occhi e le dissi di alzarsi e venire dentro con me. Mi alzai ed entrai,seguito da lei.
Appena chiusa la porta,la incollai alla parete mettendole una mano tra le cosce e la lingua in bocca….che si dichiuse offrendomi la lingia….ci baciammo on enorme trasporto e passione ci leccavamo il palato i denti la lingua,mentre la mia mano era penetrata nella sua fica bagnata e larga. Ci spogliammo e andammo sul letto,mi cerco’ il cazzo con le mani e prese a leccarmelo dalla punta al buco del culo. Mi stava mangiando tutto,mi ingoiava le palle e mi scapellava il cazzo.Era una vera furia…assatanata. Presi tempo le spalancai le cosce e cominciai a sditalinarla prima con due dita,poi con tre molto velocemente a fondo,mentre le leccavo mordevo le tette…incominciò ad ansimare e ad agitare il bacino mentre io continuavo con estrema decisione e forza a pomparla con le tre dita in profondita,si mise a urlare,singhiozzare,godeva come una cagna in calore,le dissi di stare zitta che suo marito ci avrebbe sentito. Lei ridendo mi disse:“ no problem” Io guardandola le dissi “ok se al cornuto va bene…” E lei sempre ridendo mi disse:“ si,ja cornuto”
Mi eccitai e caricai ancor di piu. Aveva squirtato tutto il letto la troia,allora tolsi la mano e mentre le mangiavo la bocca e le passavo la lingua sul palato le puntai la mia cappella gonfia e turgida come uno scalpello d'acciaio, feci roteare la cappela nel suo bucone di fica e con un colpo secco e deciso,le entrai fino all'utero. Lei lo senti’ perche gemette emanando un urlo soffocato…glielo tenni dentro sul fondo,contro l'utero,immobile premendolo,volevo che lo sentisse bene difatti incomincio’ a divincolarsi muovendo il bacino,a quel punto io cominciai a darglielo bene,dentro e fuori,piano,poi velocemente la chiavavo con forza la sentivo larga,aperta,scivolosa…..ci slittavo dentro,anche se io avevo un buon calibro di cazzo….lo tolsi per rallentare un poco e glielo misi in bocca, lei leccava e succhiava,poi mi sono stufato l’ ho fatta girare alla pecora le ho bagnato il buco del culo con le dita lavorandolo un poco sentii che lei si apriva alla mia volontà di farle il culo.
Appoggiai il mio cazzo durissimo al buco e piano piano entrai con tutta la cappella….rimasi fermo per abituarla,ma mi accorsi che lei era una veterana…perche la sentii rinculare piano cercando il cazzo…a quel punto entrai tutto di forza e la feci urlare trai suoi Ja ja….la stavo inculando tutta le mie palle battevano sulla sua fica…pompavo con gioia e passione e lei mi rinculava con forza.Non ce la facevo piu..le presi le tette e le strinsi per farle male mentre le gridavo che stavo sborrando nel suo culo, anche lei gridava e si menava il clitoride le straziavo i capezzoli e le scaricavo il mio seme nelle viscere. Poi uscii,mi sdraiai sul letto accanto a lei. Le dissi di non lavarsi,di andare a letto con il sapore di me e di farlo sentire a suo marito.
Lei sorrise e mi disse :“ lui sta aspettando”
La baciai lungamente e le dissi che era una femmina speciale,che ogni uomo vorrebbe.
Si alzo’ e torno’ nel suo bungalow.
Io rimasi sveglio,facendo girare il film che avevo appena vissuto, l'appagamento che quella femmina mi aveva donato,il piacere di aver chiavato,preso abusato della moglie di un altro.Lei che con i miei umori,il mio seme,il mio odore andava nel letto da suo marito che l'aspettava…
Ero felice di me,di essere un vero bull prepotente e cazzuto;
Quello che non sono piu ora!
Passai una settimana vivace e molto intense con loro.

2 commenti: