Lettori fissi

lunedì 27 aprile 2015

Epilogog

Dalla Chat
LEI :
Mi dispiace che sia andata cosi con te avevo ritrovato la voglia di parlare e di aprirmi mi piaceva la tua compagnia poteva nascere qualcosa di bello ma come io non posso cmbiare il tuo modo di pensare,certe cose tu non puoi farle con me ,io sono cosi;al mio uomo do’ tutto ma solo a lui.non riuscirei a fare l'amore con un altro, mentre tu mi guardi mi sentirei sporca.
Mi dispiace davvero .

IO:
Tu sei una brava persona, e io non voglio che tu stia male;ho sbagliato a parlarti dei miei piaceri sessuali, non li avresti capiti quindi condivisi. E il dirti di non innamorarti di me aveva questo significato!
In quello che faccio non c'è nulla di vergognoso, e solo un gioco nel gioco dell'amore.nulla più.non ho voluto illuderti, mi dispiace molto di averti deluso,ma io ti avevo parlato dei miei desideri,ed ero felice che inizialmente tu mi avessi assecondato, perché la tua dolcezza mi aveva colpito.
Una cosa la si fa se la si desidera … E se per te ,come mi hai spiegato è inconciliabile quello che io desidero, non è giusto che tu lo faccia!
Senza rancore ,sii serena.

domenica 26 aprile 2015

Una nuova amica


Sono andato all'appuntamento con la mia nuova amica,non solo,in auto; io seduto dietro e alla guida un  amico che figurava da autista personale.
Quando arrivammo, lei era sul marciapiedi che aspettava,ci avvicinammo, abbassai il finestrino la salutai e le feci un cenno di montare in auto. Dopo un attimo di sconcerto guardando l'amico,sorrise e salì.
Partimmo la abbracciai e ci baciammo lungamente;sentivo il suo profumo, gustavo il sapore della sua lingua che scivolava sulla mia scaldandomi i sensi.
Lei, è una donna sposata ( una specie di separata in casa)appena oltre i quaranta,conosciuta casualmente  in un social, abbiamo legato subito. E dopo giorni di chat,conoscendoci un poco ci siamo telefonati ed affiatati,raggiungendo momenti di eccitazione e di libidine.....abbiamo così deciso di uscire allo scoperto ed incontrarci e metterci in gioco!
Ho dato delle indicazioni al mio amico autista,di essere discreto,e di fare cio che io gli avrei chiesto. Questo mio amico è  stato partecipe con me in molte battaglie erotiche del passato,un uomo pulito,porco e ben dotato,ma sopratutto molto resistente.....
Nell'interno dell'auto la temperatura saliva....le mie mani erano tra le sue cosce sotto i suoi slip,mentre continuavo a baciarla con voluttuosità ed eccitazione; la sua mano cercava il mio cazzo sopra i jeans e me la sfregava con forza,quasi a misurarne la consistenza....le ho liberato i seni quarta misura,ed ho incominciato a leccarli succhiandole i capezzoloni...le mie dita le sfilavano gli slip,e la mia mano si faceva strada sulla sua passera depilata, le ho allargato la figa e le due dita medio anulare la penetravano prima dolcemente poi seguendo il ritmo del suo corpo sempre più velocemente con forza in profondità....la stavo chiavando con le dita e lei ha cominciato ad ansimare,e lanciare gridolini di piacere...era bagnata come una vacca,tanto che ho aggiunto anche il dito indice....la pompavo con la mano,mi stringeva mi mordicchiava si dibatteva fino a squirtarmi sul braccio e sul sedile...l'eccitazione era alle stelle; in tanto l'auto si fermava come accordato in un posto isolato nelle campagne brianzole. Avevo scelto la camporella proprio per non perdere tempo e per trovare subito un affiatamento importante.
Io cominciai a leccarle la figa,le succhiavo il clitoride e lo sbattevo velocemente con la lingua...lei impazziva ; l,amico stava in piedi vicino e guardava sfregandosi il cazzo sopra i pantaloni....facendo intravedere ed immaginare l'asta.. lei , lo guardava, mentre io la leccavo e la penetravo con le dita,capivo che lei era pronta a tutto; Feci un cenno all'amico che subito abbasso' i pantaloni,sfoderando un cazzo duro turgido e lungo..si sedette sul sedile e le avvicinò la maestosa cappella che lei,dopo averglielo preso con una mano lo infilava nella sua bocca incominciando a succhiarglielo. leccava e succhiava e con la mano accompagnava il ritmo,poi lui le diede le palle da succhiare...e lei succhiava presa da un immensa voglia di cazzo,mentre io continuavo a leccarla e sditalinarla. Mi spostai ,lui si mise tra le sue cosce  glielo sfregava sul taglio,duro duro ,glielo passava sopra senza mai introdurlo....lei aveva degli spasmi...tanto lo desiderava,mentre io molto eccitato le davo il mio cazzo in bocca...incominciò a succhiarmelo con frenesia accarezzandomi le palle io guardavo il mio amico,che ad un certo punto, puntò la cappella gonfia e tesa sul suo buco,e piano,con fermezza e decisione lo spinse dentro tutto fino in fondo.Diede una decina di spinte lentamente per farglielo sentire  bene,poi iniziò a pomparla con forza con un ritmo notevole....gridava e tenendomi in mano il cazzo agitava la testa di qua e di la ; io lo riinfilai in bocca spingendolo bene in gola....lui la chiavava e lei impazziva tra noi dopo una ventina di minuti di questo gioco,lui uscì da lei, io mi abbassai e la baciai,lei mi abbracciava con forza  poi insieme io e lui glielo dammo in bocca lui se lo menava  io ho preso a leccarla nuovamente con dolcezza piano piano , poi tra le sue grida  venne abbondantemente, era tutta bagnata fradicia,il mio amico le venne in bocca di ,io le chiesi di ingoiare,e lei guardandomi: mandò giù tutto un po a fatica,era davvero tanta.
Ci rivestimmo,e mentre lui riprese a guidare,io volli farle sentire la mia vicinanza,il mio calore ed incominciai a baciarla con tanta passione,sentivo il sapore del seme del mio amico,ma io desideravo condividerlo con lei!
E quello che è accaduto, e ciò'è il portare l'amico non è da prendere come una mancanza di rispetto verso lei,ma un piacere aggiunto,perchè io volevo darle il massimo....e lei questo l'ha capito.L'ho baciata a lungo ed accarezzata,tenendola stretta a me.
Ero felice.